come fotografare all’infrarosso IR

Con la fotografia all’infrarosso, vediamo quello che il nostro occhio non riesce a vedere, l’infrarosso. La fotografia IR, ti permette di vedere il mondo che ti circonda con un occhio diverso. Per fare questo tipo di fotografia servono alcuni piccoli accorgimenti. Le fotografie all’infrarosso, che vedete in questo articolo sono state scattate con una compatta modificata, dove ho fatto togliere il filtro low-pass davanti al sensore, ed ho fatto aggiungere un filtro IR da 720nm. Le fotografie assumono una realtà inconsueta, il cile diventa nero, come l’acqua di un lago, mentre tutto quello che è vegetale o può assorbire la radiazione infrarossa diventa bianco, come se fosse nevicato. Con la modifica fatta, alla macchina fotografica, tutti gli automatismi rimangono, come una normale macchina fotografica, soprattutto la messa a fuoco, che altrimenti sarebbe più complicata da gestire se usiamo dei filtri IR davanti al nostro obbiettivo. Le fotografie devono essere scattate preferibilmente nelle ore centrali, quando il sole è alto e la radiazione infrarossa è massima.

Infrarosso IR 720nm

Infrarosso IR 720nm





Attrezzatura

  1. Filtro Infrarossi Hoya R72

    Filtro Infrarossi Hoya R72

    Reflex, tipo: Nikon completa di obbiettivo circa 660€Canon completa di obbiettivo circa 660€Pentax completa di obbiettivo circa 550€Sony completa di obbiettivo circa 600€, in modo da avere la possibilità di regolare i vari parametri in manuale ed avere il pieno controllo. Oppure una Mirrorless tipo Nikon 1 J5 costo circa 440€.

  2. Uno zoom grandangolare, tipo Tamron SP AF 28 – 75mm F/2.8 al costo di circa 330€;
  3. Treppiede, robusto ma leggero, tipo il Manfrotto con testa ibrida, al costo di circa 60€;
  4. Una batteria di riserva per la vostra reflex;
  5. Telecomando per scatto remoto, serve per evitare il micromosso;
  6. Costo della modifica circa 100/200€, a seconda della macchina fotografica che andate a modificare;
  7. Filtro IR tipo Hoya R72 Infrared, costo circa da 40€ a 130€

Impostazioni e settaggi reflex

Infrarosso IR 720nm

Infrarosso IR 720nm

Per questo tipo di fotografia, occorre settare la vostra reflex in manuale o quasi, vediamo come procedere.

  • La messa a fuoco, se abbiamo una macchina modificata, possiamo usare l’autofocus, altrimenti dobbiamo mettere a fuoco prima di posizionare il filtro, successivamente dopo una foto di prova occorre aggiustare la messa a fuoco girando la ghiera del nostro obbiettivo di pochissimo. Il piano di messa a fuoco è leggermente diverso dalla luce visibile. Impostiamo la messa a fuoco in manuale; mettiamo la ghiera dell’obbiettivo in manuale M, la stessa operazione va eseguita sulla vostra reflex spostiamo il settaggio da AF ad M, messa a fuoco Manuale. Effettuate anche qualche scatto di prova controllando dal display se la messa a fuoco è corretta.
  • Il Diaframma: l’apertura del diaframma deve avere un valore molto chiuso, quindi deve avere valori di F11 oppure F16, fate qualche prova, per trovare il diaframma migliore. Un diaframma da F8 a F16 ci permette di avere dei tempi di scatto lenti (1/15sec), Più riusciamo ad avere tempi lunghi più la luce infrarossa avrà modo di passare. Ovviamente se usate un filtro IR i tempi sono inevitabilmente lunghi anche di alcuni sec. (10/20sec.), il filtro si presenta totalmente nero e sembra che non faccia passare la luce.
  • Fotografia all'infrarosso IR 720nm

    Fotografia all’infrarosso IR 720nm

    Gli ISO: per il valore ISO, l’ideale sarebbe utilizzare un ISO 100/200, il più basso possibile, dobbiamo avere dei tempi lunghi in modo da avere una maggiore quantità di luce infrarossa catturata.

  • Il tempo di scatto, il tempo di scatto dipende molto se state usando una macchina fotografica modificata, oppure un filtro IR, si può andare da 1/30sec a 30sec. in pieno giorno. Il filtro IR toglie anche 15 stop.

 

Fotografia all'infrarosso IR 720nm

Fotografia all’infrarosso IR 720nm





Potrebbe interessarti leggere anche:

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio Fotografare in viaggio è una guida per il fotografo che ama viaggiare, ma che magari è alle ...
Leggi Tutto
Effetto Orton: risultato finale

Effetto Orton

Effetto Orton L'Effetto Orton, prende il nome dal fotografo Michael Orton, che alla fine degli anni ’80 aveva iniziato a ...
Leggi Tutto