come fotografare la luna

Nikon D810, Esposizione: 1/125sec; F11; ISO 100; Sigma 120-400 (f/4,5-5,6); Lunghezza focale 400mm

Nikon D810, Esposizione: 1/125sec; F11; ISO 100; Sigma 120-400 (f/4,5-5,6); Lunghezza focale 400mm

In questo articolo, trovate alcuni suggerimenti su come procedere a fare una fotografia alla Luna. Non serve un attrezzatura particolarmente costosa, gli obbiettivi che dobbiamo usare possono avere anche un apertura del diaframma anche alta F5/6 addirittura F11. Quello che serve è un obbiettivo con una buona lunghezza focale 300mm o superiore. Un buon cavalletto per tenere ferma la nostra attrezzatura. La scelta del luogo non è particolarmente fondamentale, l’inquinamento luminoso non influisce in maniera particolare, specialmente se facciamo la foto quando la luna è alta nel cielo.



Attrezzatura

  1. Reflex, tipo: Nikon completa di obbiettivo circa 660€Canon completa di obbiettivo circa 660€Pentax completa di obbiettivo circa 550€Sony completa di obbiettivo circa 600€, in modo da avere la possibilità di regolare i vari parametri in manuale ed avere il pieno controllo.
  2. Un tele obbiettivo, tipo Sigma Obiettivo 120-400mm-F/4.5-5.6-AF APO DG OS HSM;
  3. Treppiede, robusto ma leggero, tipo il Manfrotto con testa ibrida, al costo di circa 60€;
  4. Una batteria di riserva per la vostra reflex;
  5. Telecomando per scatto remoto, serve per evitare il micromosso;

Impostazioni e settaggi reflex

Per questo tipo di fotografia, occorre settare la vostra reflex in manuale o quasi, vediamo come procedere.

  1. Sigma Obiettivo 120-400mm-F/4.5-5.6-AF APO DG OS HSM

    Sigma Obiettivo 120-400mm-F/4.5-5.6-AF APO DG OS HSM

    La messa a fuoco, essendo la luna molto luminosa è possibile utilizzare l’autofocus della nostra reflex, anche se conviene sempre controllare la giusta messa a fuoco con il visore Live View. Impostiamo la messa a fuoco in manuale; mettiamo la ghiera dell’obbiettivo in manuale M, la stessa operazione va eseguita sulla vostra reflex spostiamo il settaggio da AF ad M, messa a fuoco Manuale; ricordiamoci di togliere lo stabilizzatore ottico del vostro obbiettivo. Lo scopo dello stabilizzatore è quello di andare a compensare le piccole oscillazioni e vibrazioni che si creano nel momento in cui scattiamo a mano libera. Nel nostro caso è quindi inutile in quanto utilizziamo il treppiede per stabilizzare la fotocamera. Attenzione è importante disattivarlo, altrimenti le fotografie avranno un micromosso dovuto ad un errato funzionamento dello stabilizzatore. Spostiamo quindi la ghiera del fuoco su infinito ed aiutiamoci con modalità Live View. Effettuate anche qualche scatto di prova controllando dal display se la messa a fuoco è corretta.

  2. Il Diaframma: l’apertura del diaframma deve avere un valore F intermedio F8 oppure F11, fate qualche prova, per trovare il diaframma migliore. Un diaframma da F8 a F16 ci permette di avere quella giusta profondità di campo per vedere i crateri lunari.
  3. Gli ISO: per il valore ISO, l’ideale sarebbe utilizzare un ISO 100/200, il più basso possibile, la luna è più luminosa di quanto pensate.
  4. Il tempo di scatto, il tempo di scatto è relativamente veloce 1/125sec, fate alcuni scatti di prova, il tempo dipende dagli ISO che avete impostato dal diaframma e dalla luminosità della luna. Non scendete sotto 1/60sec, altrimenti vedrete il movimento della luna… quindi meglio scegliere un tempo di 1/250 sec, con un ISO un po più alto (200/400), ed avere la luna ferma brillante e dettagliata.





Potrebbe interessarti leggere anche:

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio Fotografare in viaggio è una guida per il fotografo che ama viaggiare, ma che magari è alle ...
Leggi Tutto
Effetto Orton: risultato finale

Effetto Orton

Effetto Orton L'Effetto Orton, prende il nome dal fotografo Michael Orton, che alla fine degli anni ’80 aveva iniziato a ...
Leggi Tutto