Effetto Orton

L’Effetto Orton, prende il nome dal fotografo Michael Orton, che alla fine degli anni ’80 aveva iniziato a sovrapporre le diapositive su pellicola, con l’intento di imitare la pittura ad acquarello e immergere i suoi soggetti in un’atmosfera fiabesca. Questa tecnica con le moderne reflex è semplice da applicare ed ancora più facile realizzarla con i programmi di fotoritocco. Ci sono solo poche accortezze da rispettare, la prima è quella di usare un treppiede per tenere ferma la macchina fotografia. La seconda è scattare due fotografie identiche ma una perfettamente a fuoco, mentre l’altra deve essere sfuocata.



Nel canale YouTube di Michael Orton è possibile ammirare alcuni dei suoi lavori.

Effetto Orton: la tecnica

Il procedimento seguito da Orton si basa sulla sovrapposizione di almeno due diapositive nelle quali la scena ripresa è identica. Oltre che su pellicola, lo stesso effetto può essere ottenuto in digitale, eseguendo due scatti dello stesso soggetto e poi sovrapponendoli con un programma di fotoritocco.

Vediamo passo passo come procedere:

Prima foto: scattiamo una fotografia perfettamente a fuoco. Chiudiamo il più possibile il diaframma (f16/22) in modo da avere una buona profondità di campo con molti dettagli nella fotografia. Sottoesporre di uno stop, in modo da aumentare la saturazione ed il contrasto del colore.
Seconda foto: scattiamo una seconda fotografia perfettamente identica come inquadratura alla precedente, ma soltanto deve essere sfocata. In questo caso devi aprire tutto il diaframma (f2,8/4) in modo da ridurre la profondità di campo, ricordati di sfocare l’immagine, il quanto sfocare dipende molto dal risultato che vuoi ottenere. Per questa fotografia occorre sovraesporre di due stop.
Ricapitolando: la prima foto deve avere diaframma chiuso f/22 e sottoesposta di uno stop (deve essere scura), la seconda fotografia deve avere il diaframma aperto f2,8 e sovraesposta di due stop (deve essere chiara) e ricordati di sfocarla.
Unione delle fotografie: una volta realizzati gli scatti, puoi procedere alla loro unione, puoi usare un qualsiasi programma di fotoritocco (GIMP) oppure Photoshop, o altri.

Effetto Orton: foto a fuoco

Effetto Orton: foto a fuoco

Effetto Orton: foto sfocata iniziale

Effetto Orton: foto sfocata iniziale

 

vediamo i passaggi su Photoshop:

apriamo l’immagine sfocata, e da Filtro> Controllo sfocatura> impostiamo Raggio: 15pixel

"apriamo

da Immagine > Regolazioni> Luminosità/Contrasto> impostiamo luminosità +50

"da

Uniamo le due foto su due livelli diversi, l’immagine sfocata dovrà essere posizionata sopra a quella con la messa a fuoco corretta. L’immagine sfocata deve avere il metodo di fusione Moltiplica.

L'immagine sfocata, dovrà avere come metodo di fusione Moltiplica

L’immagine sfocata, dovrà avere come metodo di fusione Moltiplica

 

Spostiamoci sulla fotografia di primo livello, quella perfettamente a fuoco e regoliamo l’opacità a nostro piacimento.

Immagine a fuoco, regoliamo l'opacità a nostro piacimento

Immagine a fuoco, regoliamo l’opacità a nostro piacimento

 




Il risultato finale:

Effetto Orton: risultato finale

Effetto Orton: risultato finale

 

Attrezzatura necessaria

  1. Reflex, tipo: Nikon completa di obbiettivo circa 660€, Canon completa di obbiettivo circa 660€, Pentax completa di obbiettivo circa 550€, Sony completa di obbiettivo circa 600€, in modo da avere la possibilità di regolare i vari parametri in manuale ed avere il pieno controllo.
  2. Treppiede, robusto ma leggero, tipo il Manfrotto con testa ibrida, al costo di circa 60€;
  3. Una batteria di riserva per la vostra reflex;
  4. Telecomando per scatto remoto, serve per evitare il micromosso;
  5. Filtri ND, il mercato offre una grande scelta da pochi euro come XCSOURCE® Densità Neutra (ND) a circa 11€ a quelli più performanti HAIDA – Filtro neutro Slim PRO II MC ND1000 a circa 54€, oppure di livello ancora più alto i NiSi Filtro ND Densità Neutra ND1000 a circa 144€, la differenza è nella qualità fotografica, quelli economici hanno alcune aberrazioni cromatiche, mentre quelli costosi ne sono privi. 
  6. Filtro polarizzatore, anche in questo caso il mercato offre una vasta scelta da quelli molto economici tipo quelli della Polaroid FCP Filtro Polarizzatore Circolare a circa 11€, personalmente vi consiglio di usare i filtri Hoya HD Filtro Polarizzatore Circolare a circa 80€ un buon compromesso.

 

Effetto Orton con una sola fotografia

Utilizzando una reflex digitale e programmi tipo Photoshop è possibile realizzare l’effetto orton anche con una sola fotografia. 
Vediamo come fare:

  • apriamo la nostra immagine, duplicala su un nuovo livello;
  • imposta come metodo di fusione “scolora” e unisci i due livelli: così facendo otterrai un’immagine sovraesposta;
  • duplica nuovamente l’immagine ottenuta e applica alla copia il filtro sfocatura, impostando un raggio attorno agli 15/30pixel, secondo il risultato più o meno dello sfocato che vuoi ottenere;
  • imposta come metodo di fusione sul livello “moltiplica”;
  • puoi eseguire ulteriori regolazioni sull’immagine, agendo su valori tonali, saturazione e luminosità.
     
Effetto Orton

Effetto Orton


Effetto Orton-HDR

Effetto Orton-HDR

Effetto Orton

Effetto Orton


Effetto Orton-HDR

Effetto Orton-HDR

Effetto Orton

Effetto Orton

Potrebbe interessarti leggere anche:

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio

fotografare in viaggio Fotografare in viaggio è una guida per il fotografo che ama viaggiare, ma che magari è alle ...
Leggi Tutto
Effetto Orton: risultato finale

Effetto Orton

Effetto Orton L'Effetto Orton, prende il nome dal fotografo Michael Orton, che alla fine degli anni ’80 aveva iniziato a ...
Leggi Tutto